Con l’obiettivo di poter trattare adeguatamente tutte le informazioni legate al sistema turistico locale, l’attività dell’Osservatorio turistico della Valle d’Aosta di turismOK è costantemente orientata all’analisi di dati (anche raccolti da altri soggetti) e relativi all’ambito turistico-ricettivo.

L’Osservatorio presenta e sintetizza in questo caso i dati relativi alla stagione sciistica 2019-2020 in Valle d’Aosta esposti durante la consueta conferenza stampa dell’AVIF (Associazione valdostana impianti a fune).

La Regione, da sempre vocata al turismo degli sport invernali, presenta come noto potenzialità enormi dal punto di vista attrattivo degli appassionati di sci, dallo sci di fondo allo sci alpinismo.
È dunque importante essere a conoscenza dei numeri dietro questa disposizione naturale del territorio valdostano per poter figurare nel migliore dei modi quegli interventi utili all’aumento o miglioramento dei servizi che possono essere, direttamente o indirettamente, legati al fenomeno sciistico.
La Valle d’Aosta presenta 21 stazioni sciistiche sull’intero territorio valdostano a cui corrisponde un’occupazione pari a 989 persone in totale.
Gli impianti funiviari in esercizio sono 163 suddivisi in 28 tra funivie, funicolari e telecabine, 28 seggiovie automatiche, 40 seggiovie fisse e 67 tra skilift e tapis-roulant e la portata oraria complessiva è stimata in 240.000 unità all’ora. Si parla di 3 milioni di persone che hanno utilizzato gli impianti nella stagione invernale 2018-2019, mentre i passaggi sugli impianti si attestano sui 31 milioni circa.
Analizzando i valori sopra indicati, il fatturato complessivo lordo si attesta a circa 86 milioni di euro di biglietteria raggiunto nella stagione 2018-2019.
Nello specifico se, come detto, 21 sono le stazioni sciistiche attive in Valle d’Aosta, 361 rappresentano il numero di piste complessivo disponibili sul territorio valdostano, suddivise in 83 blu, 201 rosse e 49 nere, oltre a 5 snow-park e 23 baby-park per il divertimento dei più piccoli. Infine, sono presenti 300 chilometri di piste servite dall’innevamento programmato con ben 2.440 generatori di neve installati lungo le piste.

Fatturato lordo stagione sciistica

Confrontando le precedenti stagioni con l’ultima in esame, come è visibile dalla tabella successiva, facendo riferimento alla stagione 2019-2020, il fatturato lordo dal 1° ottobre al 6 gennaio è notevolmente aumentato.

I dati presentano una prima inflessione negativa pari al 19,97% fra la stagione 2017-2018 e la stagione 2016-2017, mentre risultati decisamente migliori sono quelli registrati sia per la stagione 2018-2019 sia per quella 2019-2020 con un incremento, rispettivamente, pari al +23,95% e pari al +20,72% del fatturato.

dati sci valle d'aosta

Primi ingressi stagione sciistica

Da un’ulteriore analisi dal punto di vista dei primi ingressi, è chiaramente visibile un incremento legato anche ai valori precedentemente analizzati: nelle stesse stagioni in cui corrisponde un aumento del fatturato, coincidono aumenti in termini di primi ingressi. Se fra la stagione 2016-2017 e la stagione 2017-2018 si è assistito ad un decremento del 26,18%, i primi ingressi sono decisamente migliorati nella stagione successiva 2018-2019 con un valore pari al +22,24% e, con un incremento pari al +19,68%, anche nella stagione 2019-2020.

dati sullo sci in valle d'aosta

Passaggi stagione sciistica

Infine, relativamente ai passaggi e considerando sempre il periodo dal 1° ottobre al 6 gennaio, il trend sembra ricalcare una prima inflessione negativa tra la stagione 2016-2017 e la stagione 2017-2018 per poi tornare ad essere positivo per le stagioni successive con un incremento pari al +33,25% per la stagione 2018-2019 e del +19,66% per la stagione 2019-2020.

dati sullo sci in valle d'aosta

Un ultimo sguardo è stato dato ai dati in merito agli Skipass stagionali under 18 delle scuole valdostane: il trend positivo prosegue ottenendo un incremento pari al +81,93% nelle loro vendite ed un relativo incremento di fatturato di circa il +17%.

Conclusioni

I dati riportati dall’Osservatorio turistico della Valle d’Aosta di turismOK rappresentano una prima indicazione per comprendere l’andamento del fenomeno in esame.

Le continue misurazioni e le analisi svolte dall’Osservatorio sono funzionali a tenere traccia di ogni evento legato al territorio e per essere costantemente aggiornati sulle dinamiche di attrazione turistica all’interno della regione Valle d’Aosta.